L’INFINI ROULÉ BLANC DE TA NUQUE



Babbo Natale - Père Noël -Santa Claus - Papá Noel - Weihnachtsmann

Canazei


Alpe di Siusi

Val Gardena


“L'étoile a pleuré rose au coeur de tes oreilles,
L'infini roulé blanc de ta nuque à tes reins
La mer a perlé rousse à tes mammes vermeilles
Et l'Homme saigné noir à ton flanc souverain.
(Arthur RimbaudL'étoile a pleuré rose , 1871).




Cortina - Monte Cristallo


Tre Cime di Lavaredo


"La stella ha pianto rosa al cuore delle tue orecchie,
L'infinito è rotolato bianco dalla tua nuca alle reni
Il mare è imperlato rosso ai tuoi seni vermigli
E l'Uomo ha sanguinato nero al tuo fianco sovrano".
(Arthur Rimbaud, La stella ha pianto rosa, 1871).

Roberto Budicin, Inverno, olio su tela

Parrocchiale di santa Fosca

Passo Falzarego

Alpe di Siusi
Biancospino



Sale la nebbia sui prati bianchi
come un cipresso nei camposanti
un campanile che non sembra vero
segna il confine fra la terra e il cielo.

Ma tu che vai, ma tu rimani
vedrai la neve se ne andrà domani
rifioriranno le gioie passate
col vento caldo di un'altra estate.

Anche la luce sembra morire
nell'ombra incerta di un divenire
dove anche l'alba diventa sera
e i volti sembrano teschi di cera.

Ma tu che vai, ma tu rimani
anche la neve morirà domani
l'amore ancora ci passerà vicino
nella stagione del biancospino.

La terra stanca sotto la neve
dorme il silenzio di un sonno greve
l'inverno raccoglie la sua fatica
di mille secoli, da un'alba antica.

Ma tu che stai, perché rimani ?
Un altro inverno tornerà domani
cadrà altra neve a consolare i campi
cadrà altra neve sui camposanti.
(Fabrizio de Andrè, Inverno).







Commenti

  1. Incantevoli... immagini e musica. Si.
    Ciao Garbo. Buona giornata.
    Cri

    RispondiElimina
  2. Incantevoli, si, immagini e musica ... mi tormentava solo l'idea che la mia predilezione per Battiato potesse mettere in ombra che questa splendida musica, queste toccanti parole, sono in realtà di Fabrizio de Andrè ... si, lo so, l'ho detto ... anzi, l'ho scritto, ma non avevo proposto la sua interpretazione di questo brano, ora l'ho fatto, ora sono più tranquillo, ora posso andare a dormire sereno ;-)
    Ciao Cri, sei un raggio di sole :-)

    RispondiElimina
  3. Non ci faccio molto con la neve; sono rimasto un "marittimo".
    Ciao da luigi.

    RispondiElimina
  4. Caro Luigi,
    un giretto su queste montagne ti farebbe rimanere un "marittimo" convinto, con in più la predilezione per queste vette, per le valli, per i ruscelli, per la selva, il clima, gli animali, perché da nessuna parte potresti sentirti più vicino a te stesso ....
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Le immagini per gli occhi, la musica e le parole per il cuore e la mente: questo post ci regala attraverso l'occhio che coglie la poesia della Natura e il canto di due poeti una visione incantevole che riscatta il male e il banale che abbiamo intorno.
    Fata Confetto

    RispondiElimina
  6. @ Fata Confetto,
    in un frangente storico in cui abbiamo così tanti poeti e così poca poesia, sento il bisogno di trovarne un po’ nella natura, nella musica, nelle parole di chi sa il “parlar ornato” e di sa suscitare emozioni; e mi piace condividerle con chi, come te, si trova a passare e rimane impigliato in un’immagine, in un verso, in una parola, in un accordo musicale. Ti do il mio benvenuto.
    Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SOGNO DI UN’OMBRA L’UOMO

ACCOPPIAMENTO UMANO E "NORMALE"

UN GELATO PER SAVIANO