A CHI VAGA LA NOTTE ...





La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte,
 con le toppe alla sottana, viva viva la Befana!
La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte
 e nessun gliele ricuce, la Befana è pien di brace.
La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte,
se ne fa un altro paio con la penna e il calamaio.
La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte,
 se ne compra un altro paio per venire al 6 gennaio.

La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte,
porta cenere e carboni per i monelli e i cattivoni, 
ma ai piccini savi e boni, porta chicche e ricchi doni.



“A chi vaga la notte
a maghi a menadi
a baccanti a iniziati
Eraclito Garbino profetizza:
i misteri in onore fra gli uomini
non iniziano a nulla di sacro”.
(Parafrasando Eraclito DK 22 B 14). 

Auguri a tutte le befane volanti!!!



Commenti

  1. E vabbè, visto che in fondo faccio parte della categoria, anche se a volare ho dei problemi (l'aereo mi terrorizza, figurati con la scopa, non ci voglio nemmeno pensare ^.^), ma con la fantasia non ho problemi, e allora voloooooooooooo :-), e ringrazio per gli auguri. Eh si, noi Befane se non ci fossimo dovrebbero per forza inventarci.
    Ciao Garbo. Te l'ha portata la calza la tua Befana? E che c'era dentro? Non dirmelo, lo so: tanto carbone, vero? ^.^
    (p.s. Perchè quella citazione? )

    RispondiElimina
  2. Un post simpatico con un eventuale sottofondo musicale che mi sembra azzeccato. Dal primo gennaio sono a Roma dopo un capodanno a Livorno che mi è piaciuto molto. L'ho passato in strada brindando a mezzanotte come non facevo da anni, c'era poca gente in giro (ma non per paura della situazione attuale o tensioni varie) e sono arrivato sino in porto a piedi con fuochi d'artificio molto belli e ben organizzati. Poi i livornesi sono un po' pazzerelli e simpatici. Oggi a Roma ho tentato di vedere la sfilata con i Re Magi e il passaggio della befana ma c'era una valanga di gente e un freddo e un vento tremendo...un salutone e alla prossima

    RispondiElimina
  3. Se siete esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
    sani di mente
    che constatano che dei, vite eterne e anime eterne non esistono,
    che i morti non resuscitano e le vergini non partoriscono,
    tenete conto che i picciotti della mafia cristiana,
    che ha ancora un qualche potere in Italia,
    predisporranno intorno a voi situazioni negative
    per crearvi problemi,
    generare in voi un qualche dolore ed una qualche sofferenza,
    e poi attribuire tutto questo alla "mancanza di fede in dio".

    Trattasi di banale tecnica intimidatoria mafiosa,
    'nzomma le solite tradizionali tecniche mafiose
    usate da ogni comunità e da ogni mafia
    per intimidire chi vuole restare libero
    e non far parte di alcuna comunità e di alcuna mafia,
    e, diciamo così, persuaderlo a farlo.

    Che fare dunque ?

    In primis tenere gli occhi aperti
    e valutare attentamente ogni "situazione strana" che vi capita intorno,
    per gestirla intelligentemente sin dall'inizio
    ed evitare che da essa si generino conseguenze negative per voi.

    In secundis se il giochetto mafioso funziona
    e vi capita qualcosa di negativo,
    certi che tutto ciò che accade sulla Terra
    è dovuto a motivazioni terrene,
    datevi da fare per cercate di capire
    chi è che ha predisposto quelle situazioni negative.

    RispondiElimina
  4. Befane babbi natali dei madonne
    ed altre varie ed eventuali minchiate...

    L'affabulazione è sempre del potere,
    la mistificazione è sempre del potere,
    per tenere gli individui
    lontani dalla consapevolezza della realtà
    e tenerli schiavi e sottomessi.

    La consapevolezza della realtà
    fa l'uomo libero.

    La consapevolezaza della realtà
    è sempre dell' uomo libero.

    La consapevolezza della realtà
    è sempre contro il potere.

    La consapevolezza della realtà
    è sempre rivoluzionaria.

    RispondiElimina
  5. Perché solo quelle volanti?
    Auguri a tutte le Befane, primi giudici dei nostri comportamenti giovanilissimi; però non ci sono bimbi cattivi, solo, semmai, un po' irrequieti ed a me piacciono quasi di più.

    Ciao da luigi

    RispondiElimina
  6. Mi hanno fatto un sacco di auguri quest'anno sicuri di colpire nel segno...no, no, scherzo... per l'imbarazzo fanno finta di niente: guardano a un palmo del proprio naso e non mi vedono perché io sono in volo...ancora! E' una bella sensazione! Non voglio più scendere :-))
    Ciao
    Nou

    RispondiElimina
  7. @ Cri,
    favorisca patente e libretto della scopa, non ce l’ha? Mi spiace, ma non s’è mai vista una befana non-volante e non è previsto personale a terra o controllori di volo: l’unica befana autentica è quella che durante la notte fra il 5 e il 6 gennaio vola sulla sua scopa (Folletto escluso ed escluse pure le scope di Harry Potter, la Nimbus 2000 e la Firebolt). Capisco che tu voglia unirti alla categoria, ma la risposta è NO, e non vale saper volare con la fantasia, quello siamo capaci tutti.
    La Befana mi ha portato carbone? E invece no, mi ha portato tantissimi dolci perché quest’anno sono stato particolarmente buono e perché non avevo ancora assaggiato neanche una fetta di panettone.
    La citazione? Quella è il vero post, insieme al titolo e alla musica … anch’io ho molta fantasia.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. @ Accadebis,
    anch’io l’ultimo dell’anno ero a Plaza de Puerta del Sol a Madrid con un sacchetto con dodici acini d’uva che è tradizione da quelle parti mangiarne uno ad ogni rintocco del campanile sopra l’orologio, dopo una lauta cena in un locale li vicino. Nessun fuoco d’artificio, non ho idea se è una usanza di quelle parti o si tratta di austerity, ma non mi sono mancati, solo tanta allegria e tanta felicità, perché i madrileni (e gli spagnoli in genere) sono un popolo che sa divertirsi, forse anche più di noi che stiamo diventando tristi. In quanto al clima, era quasi primavera, il freddo vero, come non accadeva da anni, l’ho trovato al mio rientro.
    Ciao

    RispondiElimina
  9. @ Luigi,
    come sarebbe difficile immaginare Babbo Natale a piedi e senza le renne, così è impossibile pensare alla Befana senza la scopa … e che Befana sarebbe, chiunque non voli, non sappia volare o abbia paura di volare a buon diritto non può accedere al titolo di Befana, chiunque voglia chiamarsi tale deve avere patente e piano di volo da esibire, oltre alla scopa adeguata naturalmente.
    Sono d’accordo, infatti in occasioni come queste io auspico una amnistia totale, globale, tombale e che si portino a tutti i bambini calze stracolme di dolci … il carbone potatelo qui da me, che non mi piacciono i dolci (che invece continuano ad arrivarmi), perché fa un freddo becco!
    Ciao

    RispondiElimina
  10. @ Nou,
    io invece ti ho vista, fra Sirio e Orione … o era il Carro dell’Orsa? … che volavi leggera col sacco dei dolci a tracolla, le scarpe tutte rotte d’ordinanza, la scopa ultimo modello, il cappellaccio e tutti gli attrezzi giusti … sarà che ho il naso più lungo degli altri? Sarà perché sono bugiardo? Comunque sia, non scendere, non ne vale la pena. :-)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non scendo per tutto l'oro della Terra. Sono nel Carro dell' Orsa Maggiore e mi trovo bene...sto qui, mi piace e non vi perdo di vista.
      ;-)

      Elimina
  11. Non mi è mai piaciuta la Befana sia come personaggio che come festa anche perchè mi avevano insegnato che la festa era da intendersi come la manifestazione di Gesù al mondo e quindi un momento di fede e non di "maghi e menadi che vagano di notte" magari su di una scopa.... :-)
    Ed è quello che mi pare di aver letto tra le righe del tuo post.
    Ciao, buon gennaio a te e non me ne voglia la Befana :-)

    RispondiElimina
  12. Ma perchè censuri piccino ?

    Parliamone..

    RispondiElimina
  13. @ Julia,
    io non sono credente, per cui faccio confusione fra Gesù bambini che nascono dalle vergini per virtù dello Spirito Santo, a vecchi barboni che girano la notte con slitte trainate da stelle volanti, a grotte bethlemite con buoi ed asinelli, a simpatiche vecchine che girano con scope volanti e maghi, menadi, baccanti ed iniziati ... sarà forse che tutte queste cose sono ancora presenti e molto vive nella nostra cultura? Sarà che il cristianesimo si è inserito in culti preesistenti prendendone di volta in volta tutto l'apparato evocativo e simbolico? Pensa che per me quando ero bambino la festa più bella dell'anno era la notte fra il primo e il due di novembre, la notte dei morti, in cui ti mi raccontavano che i miei antenati venivano a farci visita e lasciavano bellissimi regali per i bambini ... se pensi che erano i regali più belli che ricevevo nel corso dell'anno, mentre a Natale non era uso farci regali, capirai come questa festa era per noi bambini più bella e più sentita. Il mio post è in realtà uno scherzo di inizio anno ed ha poco a che fare con la fede religiosa e molto con i misteri e le "sacralità" di befane molo più terrestri, seppure volanti ;-)
    Grazie, buon gennaio anche a te

    RispondiElimina
  14. @ Giamba,
    fai persino tenerezza nel sentire che vuoi spiegato perché cancello i tuoi commenti: ma non ci arrivi da solo? Davvero? Intanto, devo essere l'unico che ancora ti permette comunque di scrivere e di postare ciò che scrivi, ti cancello semmai a posteriori, quando capisco che è la solita menata. Il fatto è, caro Giamba, che mi sono rotto i coglioni di ospitare le tue interminabili lenzuolate di deliri personali su tutto ciò che ti passa per la testa che vieni a depositare qui da me, come se si trattasse delle deiezioni del tuo animale domestico, mentre sono soltanto il prodotto di ciò che rimane del tuo cervello. A me non me ne frega niente di tutte le cazzate che scrivi e che non hanno alcuna attinenza col tema del mio post; e trovo privo di ogni rispetto che tu usi il mio post per tentare di pubblicizzare il tuo delirio personale e il tuo blog.
    Spiegato mi sono Giambino?
    Baciamo le mani

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SOGNO DI UN’OMBRA L’UOMO

ACCOPPIAMENTO UMANO E "NORMALE"

UN GELATO PER SAVIANO