LA JOIE DE VIVRE







Henri Matisse, La joie de vivre, 1905-1906, Barnes Foundation, Filadelfia.




“ … e poi ci troveremo come le star
a bere del whisky al roxy bar
o forse non c'incontreremo mai
ognuno a rincorrere i suoi guai
ognuno col suo viaggio
ognuno diverso
e ognuno in fondo perso
dentro i cazzi suoi”.
(Vasco Rossi, Vita spericolata, in Bollicine, 1983).





Grazie … grazie a tutti … amici … nemici … indifferenti … a chi si affaccia su questo blog per la prima volta … a chi mi frequenta da tempo … a chi viene saltuariamente … a chi passa di tanto in tanto per salutare … a chi passa con orma leggera e non lascia (quasi) traccia della sua presenza … a chi guarda solo le figure, ascolta solo la musica, legge un po’ qua e la … a chi si porta via qualche immagine perché gli è piaciuta … a chi si porta via qualche idea … a chi si porta via un sentimento … a chi se n’è andato perché aveva altro da fare … altro da leggere … altro da pensare … ha trovato un modo migliore di impiegare il tempo … a chi non era più in sintonia … a chi è sparito semplicemente dall’oggi al domani …  scomparso … evaporato … svanito … nebulizzato  … e più niente ne abbiamo saputo … a chi era un altro e ora è cambiato … a chi non sapeva chi fosse e non l’ha mai saputo … a chi non vespa più e si fa le pere. 






Grazie alle grazie … e anche alle disgrazie … alle tragedie e alle allegrie … a chi sorride quando mi legge … a chi magari ogni tanto mi dedica un pensiero … a chi si arrabbia e a chi è curioso di sapere come va a finire … a chi ha la pazienza di leggermi fino in fondo … a chi mi porta gioia, allegria, ottimismo … ma anche a chi mi porta tristezza, angoscia, disperazione … purché sia tutto autentico … o purché sia tutto veramente e completamente falso. 




Donna, Costa do Sol,  España, 2014.

Donne, Tel Aviv, Israel, 2011.


Ringrazio anche la malattia … mia o altrui … perché ci mette in contatto più profondo con noi stessi … e ringrazio (si, anche Lei) persino la morte, perché ci insegna a vivere attraverso il dolore. Grazie al vostro entusiasmo e alle vostre critiche … alla vostra presenza … e alla vostra assenza … al caleidoscopio di apparizioni e sparizioni … all’attenzione e alla disattenzione … per voi e solo per voi, miei cari, srotolo ogni giorno questo tappeto di fiori intrecciati di musica, di immagini e di parole … per chi è appena arrivato, per chi vuole rimanere, per chi c’è sempre stato, per chi se n’è già andato e per chi volesse andare.







Grazie … dal più profondo del mio cuore e Buone Feste.


Commenti

  1. Grazie a Te, si, certo, grazie di esserci, grazie anche per questo meraviglioso post, pieno di Vita, pieno di Luce...
    Buone Feste, Garbo, stracolme di serenità.
    Ti abbraccio fortissimo.
    Cri

    RispondiElimina
  2. Ciao Garbo. Mi rispecchio nelle parole del commento di Nair al post precedente e a riprova di questo ti dirò che tornata a casa dopo una giornata pesante ho trovato il tuo commento al mio calendario, (quello su Dalì), ho preparato una tisana allo zenzero, ho messo le cuffie ho scelto forse non a caso "La follia" di Vivaldi e ho cominciato a leggere e a rileggere ed è stato il momento più bello della mia giornata.

    Dal blog non mi aspetto nulla, mi piace dare ma allo stesso tempo mi sento come una spugna che assorbe e trattiene tutto quello che leggo. che ascolto, che vedo quando vengo qui e dai pochi amici rimasti ma fedeli e sinceri. Amo imparare, conoscere, comparare; immaginare e sentire le persone; e tutto questo succede qui, così e ne sono felice...
    Grazie e buon tutto
    Julia

    Ho apprezzato l'accenno a Corcos :-)

    RispondiElimina
  3. Esuberante ed ottimista; ci vuole!

    Ciao da luigi e buon anno 2015; per il Natale fai un po' Tu, ma io sono per la festa "laica".

    RispondiElimina
  4. Ciao. Grazie.
    Un abbraccio...vero di stima e di affetto.
    Nou

    RispondiElimina
  5. Lo dicevo io, ucci ucci sento odor di regalucci, Non ci avevo poi così sbagliato, mi sembrava aver sentito o meglio, aver letto post da feste, post di auguri, post pre feste, auguriamo a tutti belli e brutti.. Io fra le 2 non so bene quale categoria sentirmi però tanto perchè si sappia, sapevatelo, non mi faccio le pere, ecco! :D
    Auguri di buone feste anche a te Garbo, auguroni, oni oni ma anche perchè no, ini, etti, otti! Passatele bene e ci rileggiamo presto presto!
    Io una promessa o pseudo che anche sia l'ho mantenuta, che non mi si dica che ora non sono o quasi a dir poco credibile! (evviva, obbiettivo raggiunto, di sti tempi, è importante!) Tornata, ricomparsa, riletto! (che suona un pò come quel programma della Parodi, detto, fatto, mangiato!) :D
    Bacioni, alla prossima Garbo, buone vacanze e feste davvero a te e a chi ti legge e passa di qui, auguri a todos!
    Paola

    RispondiElimina
  6. Buone festività a lei, signor Garbo. Una volta passavo più spesso, poi ho smesso. A differenza sua, considero la diffusa noncuranza dei blogger e dei frequentatori un vero peccato mortale e non la sopporto. La considero una vera e propria forma di piccineria e maleducazione. È singolare che la gente si preoccupi tanto dell'anonimato e resti indifferente di fronte al fatto che qualcuno sparisca improvvisamente nel nulla. Non lo capisco. A che serve sapere il nome di qualcuno se poi non te ne frega niente di sapere che fine ha fatto nel momento in cui sparisce? Vabbè, uno dei tanti motivi per il quale non potrei avere un blog e preferisco vagare in quelli anonimi altrui.

    RispondiElimina
  7. Una magnifica sequenza di immagini... Non so a quale delle categorie che hai citate io appartenga, forse un po' a tutte a seconda delle situazioni e dei periodi, in questo momento non posso che adeguarmi al periodo natalizio per augurati un fruttuoso 2015. :-)
    Specchio

    RispondiElimina
  8. Ringrazio voi tutti per le vostre bene-auguranti parole :-)

    RispondiElimina
  9. ...e un augurio anche da me che ritorno in piazza.
    Lascio qui un segno, facendo silenzio sul tuo post successivo. Per un po' facciamo finta che il nuovo anno sia ancora giovane.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  10. Auguri anche a Te, amico elettronico, da luigi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SOGNO DI UN’OMBRA L’UOMO

ACCOPPIAMENTO UMANO E "NORMALE"

UN GELATO PER SAVIANO