venerdì 24 agosto 2018

GLI ARANCINI DI MONSALVINO






Magnate tranquilli, e magna tranquillo anche tu Beppe, prima o poi riuscirai a fare l'alleanza fra l'emisfero destro e quello sinistro del tuo encefalo.



A morte i poeti!!!



A sx Ninu 'u Ballerinu, "streetfooddaru" (arancine, panini, scacce, pane e panelle, sfincione, pani ca' meusa, stigghioli, sausizza ...). A dx Matteu u' Salvinu, ministru da paura e de migranti, gourmet e assaggiatore di cibi locali unni è ghiè e unni è darè. L'immagine parla da sola: uno sporco opportunista che sta cercando solo di farsi un po' di pubblicità ... e l'altro anche. Lo schifo supera ogni altra considerazione.

Ancora una volta sono orgoglioso dei miei conterranei: arancine solidali per i migranti.
Dopo un bel po' di tempo torno ad essere d'accordo con Travaglio: adesso basta!!!

"E' molto meglio scambiare un genio per un babbeo, come accade ogni giorno in Austria, piuttosto che, come succedeva altrove, un babbeo per un genio".
(Robert Musil, L'uomo senza qualità, Libro I, p. 60).

Chiudo con un proverbio siciliano: fa chiù dannu nu cretinu ca nu porcu no jardinu!!!
(Devo tradurvelo?)