PORTELLA DELLA GINESTRA



Il mio cuore, dopo tanti anni, è a Portella, fra le pietre, dentro il sangue dei compagni ammazzati.













Undici morti (fra cui due bambini), una sessantina di feriti, tutti gli altri intervenuti erano terrorizzati e si sono sentiti a posteriori sopravvissuti, un commando di fuoco ha iniziato a sparare ad altezza d’uomo su persone disarmate che erano li a festeggiare la festa dei lavoratori e ad auspicare che qualche fazzoletto delle vaste terre latifondiste di proprietà di persone che se ne fregavano di metterle a frutto, di coltivarle, ma che ambivano a possederle, perché credevano ancora che sul possesso della terra si basava il loro potere.
Sono stati Giuliano e la sua banda? Possibile … ma chi erano i mandanti di questa bieca esecuzione?
Volete ridere? Il Presidente del Senato Aldo Grasso auspica, settant’anni dopo la strage, che lo Stato cessi di mettere il suo segreto sulla strage … forse voi ne sarete entusiasti, direte “finalmente” … ma a me questa notizia provoca solo il voltastomaco, fa proprio schifo, chissenefrega se tu settant’anni dopo mi metti in mano gli esecutori, magari (ne ho qualche dubbio) i mandanti … io voglio capire perché uno Stato ha nascosto per settant’anni la verità e, forse, la dice adesso quando è innocua.
Tu Stato devi fare luce quanto prima è possibile su una tragedia, non mettere il segreto, altrimenti sei complice... e forse mandante ... o forse solo tramite di una occulta potenza che ci rimpinza di hamburger, coca cola e pessimi film americani, 
Tenetevi la vostra verità, le persone intelligenti l’hanno sempre saputa e hanno sempre saputo che questa democrazia che ci è stata offerta era poco democratica, che la libertà che credevamo di godere era poco libera, e che se solo avessimo alzato la testa allora, i carri armati USA ci avrebbero schiacciati e sopraffatti così come i carri armati russi invasero Praga nel 1968.  
E ora? Perché all'imbecillità della dichiarazione di Trump che intima a Gentiloni di sborsare più soldi per l'Organizzazione del Nord Atlantico ... aggiungendo "e lui pagherà", quest'ultimo non gli ha risposto un sonoro: "Ma vaffanculo!". 
La sera leoni e la mattina ... Gentiloni??? 


Commenti

  1. A volte si tace perchè forse in quel momento è meglio tacere...
    Io, anche settant'anni dopo vorrei comunque sapere.
    Se la nostra fosse stata una "non democrazia", tu non avresti potuto scrivere questo post, ed io non avrei potuto darti la mia opinione.
    Buon Primo Maggio, Garbito.
    Cri

    RispondiElimina
  2. Non sono d'accordo con te, tacere in alcuni casi è essere complici, forse anche mandanti, o peggio sudditi di una potenza innominabile ... innominabile proprio perché si dice democratica, e ci da l'illusione di essere noi gli artefici del nostro destino. Anch'io vorrei sapere, ma sapere che cosa? Cosa possono dirmi dopo settantanni quando vittime, sopravvissuti, colpevoli e mandanti sono tutti morti e il legame fra vivi e morti è molto debole? Cosa ne ricaveresti? Perché non dirlo subito, perché addirittura un segreto di Stato? Che me ne frega adesso di sapere ad esempio che fu la banda di Salvatore Giuliano a far fuoco, su ordine di un accordo fra mafia e Stato, perché i comunisti abbassassero la cresta? Questo già lo so!!!! Lo abbiamo sempre saputo, e Grasso ci uò dire solo cose che abbiamo sempre sospettato.
    In quanto a me che posso dire, e tu che puo dire ... ma cosa credi che possiamo cambiare io e te? Siamo qui a sfogarci, ma intanto, ad esempio sulle primarie del PD che sarebbe il mio partito di riferimento se solo non mi avesse disgustato fin dall'inizio, si "contendono" (vincerà Renzi ed era scontato fin dall'inizio...dunque primarie per finta), chi ha deciso per gli sfidanti, chi ha stabilito che dovessero essere Renzi, Emiliano e Orlando? A me non piace nessuno dei tre: Orlando era ministro del governo Renzi ed Emiliano un suo sostenitore ... chiedo troppo se vorrei gente altra? Gente competente? Gente capace? Gente non compromessa? Gente che mi dia un minimo di affidabilità?
    La mia e tua opinione si fermano qui, purtroppo, ci leggiamo e ci commentiamo solo fra di noi, non spostiamo una virgola politicamente e socialmente, sarebbe un esercizio di auto-erotismo se pensassimo solo di influire nell'opinione pubblica.
    Buon primo maggio a te.

    RispondiElimina
  3. E' una delle tante ferite sanguinanti del nostro paese, ma condivido il commento di Nair e la tua risposta. Tuttavia parafrasando "In Italia" canzone di Fabri Fibra, il nostro è "il paese delle mezze verità" (dall'album "Bugiardo" del 2007). Non voglio peccare di ottimismo ma penso che (come dice il proverbio popolare) "Tutti i nodi vengono al pettine", salvo quando il pettine è in sciopero come scritto in una vignetta di Massimo Bucchi di qualche anno fa andata su Repubblica (l'ho cercata sul web ma al momento non ho trovato niente), parole che potrebbero far sorridere anche se in questo, come in tanti altri casi italiani, c'è da piangere. Un salutone a te e a tutti i visitatori di questo blog e buon primo maggio, anche se qui in Liguria piove a dirotto e fa un freddo mica male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, temo che di questa strage non ci sarà mai una verità accertata, una versione di stato condivisibile, perché chiunque potesse dirci a verità è morto da tempo, alcuni di questi sicuramente ammazzati. Grasso sta facendo solo teatro a gratis con questa richiesta di far luce sul mistero, d certo saprà più di noi che è impossibile. L'ottimismo che mi è rimasto è che io la verità la conosco perfettamente, e non è quella ufficiale, diverge non poco anzi da questa. A Portella ci fu un vero e proprio avviso mafioso, armi in mano, a rispettare gli equilibri sociali esistenti: chi possedeva la terra era padrone, gli altri servi della gleba. poco più che semplici schiavi. Lo Stato interviene perché, il potere che ha non può prescindere da questi padroni, gli USA intervengono perché il loro equilibrio di padroni del mondo occidentale si basa su questi compromessi fra una politica e una mafia che guardano agli interessi dei padroni. Ora cosa potremmo scoprire che ancora non sappiamo? Nomi di gente che è morta da tempo che ordina la strage di gente morta da tempo? Esecutori già deceduti che dovrebbero rispondere delle morti di allora? Io vorrei solo capire perché un segreto è durato fino adesso, perché lo Stato ha apposto un segreto su questa vicenda e perché un segreto è perdurato fino ad adesso, quali interessi attuali bisognava ancora nascondere.
      Ho trascorso un buon primo maggio nonostante il meteo non era clemente in questo spicchio d'Italia.
      Ciao

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SOGNO DI UN’OMBRA L’UOMO

ACCOPPIAMENTO UMANO E "NORMALE"

UN GELATO PER SAVIANO