Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2016

MONS - JEBEL

Immagine
"Sappi che tutte le strade, anche le più sole hanno un vento che le accompagna e che il gomitolo, forse non ha voluto diventar maglione che preferisco non imparare la rotta per ricordarmi il mare." (Gianmaria Testa, Sappi che tutte le strade).








L’Etna, forse dal greco Aitna (Aἴτνα-ας), da aitho (αἴθω ) che vuol dire bruciare, latinizzato in Aetna perché i romani tutto sommato rispettavano ciò che sfioravano, a cominciare dai nomi; o Mungibeddu, da Mons-Jebel [mons (latino)=montagna, jebel (arabo)=montagna, due volte montagna], o semplicemente “a muntagna”, o “idda” (lei, pronome personale femminile, personificata dunque), o “iddu” (lui), pronome personale maschile), a seconda che i catanesi e i circumetnei invochino un padre o una madre (perché l’Etna sa essere sia un padre severo e punitivo, sia una madre dolce che dispensa un’infinità di doni anche ad un centinaio di chilometri dal suo baricentro, fino a Messina a nord, a Siracusa e Ragusa a sud e ad Enna nell’entroterra), è una m…