FIGLI DELLE STELLE - TRILOGY - 3




“ Come le stelle in cielo, intorno  alla luna lucente,
brillano ardendo, se l’aria è priva di venti;
si scoprono tutte le cime e gli alti promontori
e le valli; nel cielo s’è rotto l’etere immenso,
si vedono tutte le stelle; gioisce in cuore il pastore;
tanti così, fra le navi e lo Xanto scorrente,
lucevano i fuochi accesi dai Teucri davanti a Ilio;
mille fuochi ardevano nella pianura, e intorno a ciascuno
cinquanta erano seduti, alla vampa del fuoco fiammante;
i cavalli, mangiando l’orzo bianco e la spelta,
ritti accanto ai carri, l’Aurora bel trono aspettavano”.

(Omero,Iliade, Libro VIII, 555-565).





Il cielo di Giotto agli Scrovegni 

Il cielo di Giotto agli Scrovegni




























Namibia, parco naturale di Etosha


In queste notti, osate alzare la testa e gli occhi al cielo, all'inizio sentirete un cigolio, qualche dolorino qui e li, infatti non siamo più abituati a guardare lontano e in alto, qualcosa più grande di noi, qualcosa di elevato, siamo miopi, abituati a non oltrepassare la punta del nostro naso, a non riuscire ad andare oltre a noi stessi, le nostre esigenze, le nostre voglie, i nostri capricci.
E non guardate il cielo per scorgere la stella cadente ed esprimere così un desiderio, ne ho ascoltati a centinaia di desideri, persino i più intimi e inconfessabili, e vi assicuro che ancora scuoto la testa nel constatare quanto siano gretti, meschini e patetici i nostri desideri; in ogni caso, ho visto molta più gente piangere, disperarsi, andare in rovina perché un loro desiderio si era avverato e non quando non si avverava.
Guardate nel cielo semplicemente la bellezza di uno spettacolo stupendo, provate stupore per quei fuochi lontani, molti dei quali non esistono più se non come luce, mentre stelle più giovani non ci sono visibili perché la loro luce non è ancora arrivata fino a noi.
Avrete cantilenato non so quante volte la frase: "Così in cielo, come in terra ...", ebbene, provate a scorgere il riflesso degli astri non soltanto sulle superfici riflettenti (il mare ad esempio), ma anche dentro di voi, provate ad abbandonarvi al gioco di luci, al respiro del mondo, al ritmo dell' universo (che io immagino debba essere per forza un reggae o la musica celestiale di un'orchestra sinfonica o il ritmo martellante di un tamburo in sintonia col battito del nostro cuore), provate a scatenare il caos dentro di voi, perché è solo dal caos che può sorgere una stella danzante.

"Stars, hide your fires! Let not light see my black and deep desires". [Stelle ,nascondete i vostri fuochi! non permettete alla luce di illuminare i miei oscuri e profondi desideri]. 
(William Shakespeare, Macbeth, atto I, scena V).



Commenti

  1. Io, per ora, mi accontento delle nostre "5Stelle"; spero solo continuino a risplendere nel grigiore della politica nostrana.

    Ti invidio per la pazienza e bravura a postare immagini; oltre le parole.

    Ciao da luigi

    RispondiElimina
  2. Lo faccio spesso, sai. Forse, sarà perché ho la fortuna di vivere in un angolo di terra libero da ammassi di cemento, con grandi spazi di cielo lì a mia disposizione, sempre pronti a tendermi la mano per darmi tregua da una realtà che non mi risparmia davvero nulla.
    Ed io non aspetto altro, e mi lascio rapire senza alcuna difficoltà da quella misteriosa e infinita bellezza, e ogni volta mi stupisco di come i miei Silenzi riescano in quei momenti ad esprimersi ed ascoltasi con tanta chiarezza e Libertà. La notte scorsa, il Meraviglioso Mistero mi ha asciugato le lacrime, ma non è sempre così, di me in fondo conosce tutto, anche le esplosioni di gioia. Fin da bambina il Meraviglioso Mistero mi ha tenuta per mano. Ho ricordi incancellabili di una piccola selvaggia che scappava dal controllo di sua nonna e correva a stendersi nel prati di campagna vicino casa ad osservare con lo stupore, l'incredulità e la fantasia che solo gli occhi di un bambino possono avere, quell'incanto di Luci che si chiamava Cielo, e che adesso, a distanza di molti anni, quella piccola selvaggia lo chiamerebbe con un unico nome: Amore.
    Il video animato che hai postato è delizioso e mi ha sinceramente emozionato.
    Garbo, sei fantastico. Davvero.
    Ciao.
    Un abbraccio.
    Cristina

    RispondiElimina
  3. SUSSIDIO PEDAGOGICO PRO GARBO,

    PROFONDAMENTE PUR SE INCONSAPEVOLMENTE--

    MAFIOSO

    I funerali dei padrini mafiosi in chiesa

    indicano chiaramente

    quanto sia urgente

    PORTARE LA CIVILTA' E LA LEGALITA' IN ITALIA,

    ancora in balia della mafia originaria, la chiesa cattolica,

    e di tutte le altre mafie,

    nate sul modello della chiesa cattolica

    Naturalmente su: www.giamba2016.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina
  4. Per quanto riguarda il post...

    'Sta cosa di indirizzare lo sguardo degli altri

    verso il cielo,

    verso l' alto,

    verso dio,

    'nzomma da n'antra parte che non sia la Terra,

    è tecnica di distrazione banale, anacronistica, datata,

    di quelli che vogliono distogliere gli altri dalla Terra

    scientificamente e consapevolmente,

    per continuare a fare mpò come cazzo se pare...

    naturalmente sulla Terra.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SOGNO DI UN’OMBRA L’UOMO

ACCOPPIAMENTO UMANO E "NORMALE"

UN GELATO PER SAVIANO